Calcio: Xavi, 'torno a casa in un momento difficile ma dobbiamo tornare a essere i migliori' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Spazio anche alla ricetta che ha in mente Xavi per guarire i mali del Barcellona: "Voglio aiutare i giocatori, essere al Barça non è facile e da fuori ho notato giocatori troppo sotto pressione. Lavoreremo con loro per aiutarli a livello personale e professionale. Si tratta di aiutarli e fare squadra. Con la testa stiamo già pensando al derby contro l'Espanyol, lo prepareremo per vincerlo e poi penseremo al resto. Dobbiamo lavorare molto per ottenere risultati. È un progetto a medio-lungo termine. Vogliamo essere intensi, aggressivi, recuperare palla nella metà campo avversaria. Una squadra che lascia in campo l'anima".

Infine, il nuovo allenatore del Barcellona ha svelato di essere già stato contattato in alcune occasioni per sedersi su quella panchina, ma di aver sempre voluto aspettare il momento giusto: "Il Barcellona mi ha contattato due volte. La prima a gennaio, ma sentivo di non essere pronto, volevo più margine. Poi in estate, ma c'erano state le elezioni in mezzo e c'era molta incertezza, non era il momento. Alla fine mi ha chiamato Joan, che per me è il miglior presidente della storia del Barça. So che guarda al futuro, ecco perché questo è il momento giusto. Mi hanno offerto anche la panchina del Brasile. Prima come vice di Tite e poi per sostituirlo dopo il Mondiale, ma la mia idea era di venire al Barcellona".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli