Calciomercato Inter, Jovetic batte cassa: "Rivuole il 15% dello stipendio"

Accostato a diversi club nel corso dell'estate Jovetic, dopo il goal segnato al Chelsea, nell'esultare ha mimato di voler restare in nerazzurro.

Dopo la chiusura del direttore sportivo del Siviglia anche l'Inter e l'agente di Jovetic confermano che il futuro dell'attaccante montenegrino non sara in Andalusia. A spiegare il motivo, intervistato da 'Abc.sevilla', è proprio Fali Ramadani.

"In un certo senso capisco l'Inter. Hanno messo un'opzione e ora dovrebbero dire ai loro tifosi che abbasseranno le pretese per un giocatore che ha molto mercato. Non ha logica. Ho parlato oggi con Sabatini ed è stato chiaro", ha dichiarato l'agente.

Cosa peraltro confermata dallo stesso Sabatini: "Non accettiamo la loro offerta. Questo è quello che ho comunicato poco fa al Siviglia. L'importo è insufficiente, a queste cifre (10 milioni di euro) non c'è l'accordo". 

Jovetic, che aveva voluto fortemente il Siviglia, ora però batte cassa con Ramadani che ricorda: "Quando arrivò a Siviglia, decise di decurtarsi il quindici per cento del suo stipendio per far andare in porto l'operazione. E ora, se torna all'Inter, rivuole indietro quel 15 per cento. Dico questo perché voglio che la gente sappia".

Il futuro però sarà lontano dall'Inter: "Jovetic ha molte offerte da squadre inglesi, tedesche, francesi e spagnole ma ho voluto aspettare per vedere come si sarebbero concluse le trattative con il Siviglia.  E' un peccato che per ragioni economiche non possa restare".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità