Calderoli: grazie a Erdogan abbiamo centinaia di civili ammazzati

Tor

Roma, 17 ott. (askanews) - "L'Isis è tornato, è vivo e lotta contro di noi. E annuncia trionfalmente di aver liberato 600 miliziane musulmane dalle carceri del nord della Siria dove erano custodite dai Curdi. Ecco le ovvie conseguenze dell'invasione turca della Siria, oltre alle centinaia di morti tra i curdi, militari e civili, oltre ai 300mila sfollati quantificati dalle organizzazioni umanitarie ecco la rinascita dell'Isis. Europa preparati a subire il primo attentato, adesso è solo questione di tempo e quando piangeremo i morti nelle nostre città sapremo che sta succedendo per colpa di Erdogan e della Turchia". Lo ha affermato in una dichiarazione il vicepresidente leghista del Senato Roberto Calderoli.