Caldo, il 65% delle province italiane supera media europea

·1 minuto per la lettura

Roma, 1 ago. (askanews) - L'Italia si arroventa. Tanto che il 65 per cento delle provincie supera la media europea. A rivelaro è una indagine dell'Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa/EDJNet diffusa da stopglobalwarming.eu condotta su 110 province del 'Belpaese'. La più colpita è Brindisi (+3.1 gradi rispetto al 1960), Roma (+3°) e Sondrio (+2.9°), segue Milano (+2.8°). Livelli sotto controllo a Olbia, Trapani e Pisa. Fra le regioni bandiera nera per Lombardia, Lazio e Trentino. Una delle soluzioni maggiormente condivise è la riduzione delle emissioni di Co2. L'unica proposta formale alternativa all'inerzia UE e già incardinata a livello istituzionale, è StopGlobalWarming.eu, l'Iniziativa dei Cittadini Europei che verrà discussa dalla Commissione Europea al raggiungimento di 1mln di firme. E' promossa tra gli altri da M.Cappato, che lancia un appello ai sindaci italiani, a Greta Thunberg, ai parlamentari europei e agli attivisti impegnati sul clima: "Dal vertice UE risposte insufficienti. Uniamoci contro il climate change". (Segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli