Calenda: Landini ha danneggiato operai per inginocchiarsi a M5s

Adm

Roma, 1 feb. (askanews) - I corpi intermedi, i sindacati, hanno un ruolo fondamentale, ma solo a patto che facciano il proprio lavoro e non cerchino di giocare partite politiche. Lo dice Carlo Calenda, polemizzando con il segretario della Cgil Maurizio Landini che, a suo giudizio, nella vicenda Ilva ha "danneggiato gli operai per inginocchiarsi a M5s". Spiega Calenda: "Io ho lavorato con i sindacati, in tutte le crisi aziendali. Ho lavorato con Maurizio Landini - hanno fatto un ottimo contratto dei metalmeccanici - il ruolo dei corpi intermedi è fondamentale". "Ma il sindacato - avverte - non è un corpo intermedio perché è il sindacato, è un corpo intermedio se si comporta da corpo intermedio. Non c'è un diritto a essere corpo intermedio. Quando lanciai il piano industria 4.0 - il più grande piano di investimenti mai fatto in occidente - i tre segretari confederali sono andati a palazzo Chigi a parlare delle pensioni a una riunione informale. Questo non va bene". In particolare, "Landini è persona stimabilissima. Peccato che quando c'era da chiudere Ilva ha preferito fare un accodo con Di Maio. Dillo che hai fatto un danno agli operai perché volevi inginocchiarti al Movimento 5 stelle. I 500 in più che hai messo a Mittal ti è stato già deto che verranno licenziati tra tre anni, mentre gli 800 in più che io ti davo in una società che faceva le bonifiche avevano un contratto. Dillo che hai fatto un danno agli operai perché volevi inginocchiarti a M5s. Lo devi dire".