A Caltanissetta 4 arresti per sfruttamento prostituzione

Gca

Palermo, 10 giu. (askanews) - Quattro persone, fra le quali un avvocato del Foro di Caltanissetta sono state poste ai domiciliari con l'accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Per una quinta persona il Gip Graziella Luparello ha disposto il divieto di dimora. I provvedimenti restrittivi sono stati eseguiti dai carabinieri. Secondo l'accusa gli indagati avrebbero messo in piedi un giro consolidato di prostituzione nel quale oltre al legale sarebbe stato coinvolto un dipendente amministrativo della Procura nissena. Le indagini, effettuate con l'interrogatorio delle prostitute, intercettazioni ambientali e telefoniche e videoriprese, avrebbero consentito di raccogliere inequivocabili elementi di responsabilit degli indagati. I soggetti coinvolti nell'indagine, quattro uomini e una donna, tutti residenti a Caltanissetta e di et comprese tra i 36 e i 78 anni, in concorso tra loro, "avendo la disponibilit di alcuni appartamenti in Caltanissetta, concedevano in sublocazione le camere da letto, a prezzi sproporzionati rispetto a quelli di mercato, a donne di origine sudamericana, a scopo di esercizio di case di prostituzione". Ai domiciliari sono stati posti, l'avvocato Sandro Valenza, 49 anni, Vincenzo Riccobene, commesso della Procura, 54 anni, Antonino Comunale, 78 anni, Gaviria Adriana Maria Toro, colombiana di 36 anni. Il divieto di dimora stato imposto a Francesco Vittorioso, 52 anni.