Camera: Bazoli (Pd), 'valutazione su trojan per Ferri giuridica e non politica, ora deciderà l'Aula'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 nov (Adnkronos) – "La nostra è stata una valutazione di ordine tecnico-giuridico, se potessero ritenersi casuali queste intercettazioni e captazioni su Ferri. La nostra conclusione è stata che, secondo noi, ci sono molti elementi che fanno presumere che non fossero casuali, che ci fosse una presunzione di consapevolezza degli inquirenti che a queste conversazioni captate tramite trojan partecipasse anche Ferri nell'ambito dell'indagine che poteva riguardare anche lui. Questo ci ha fatto propendere per la decisione di non consentire l'autorizzazione, perchè abbiamo ritenuto si tratti di intercettazioni non casuali ma indirette". Lo dice Alfredo Bazoli, deputato del Pd e vice presidente della Giunta delle autorizzazioni della Camera, a proposito del voto sulla relazione Pittalis.

"I 5 stelle hanno fatto una valutazione diversa, l'hanno motivata, una motivazione del tutto legittima e consentita. Ma la nostra valutazione di natura giuridica è stata diversa, una valutazione tecnica e non politica e a questa ci siamo attenuti", sottolinea all'Adnkronos il deputato del Pd.

Bazoli spiega infine che "adesso la relazione andrà in aula, che potrà votare anche con voto segreto. Sarà l'aula a decidere sulla relazione della Giunta".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli