**Camera: Rampelli vs termini inglesi, Calenda 'ammazza Fabio che traguardo…'**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 nov. (Adnkronos) – Dopo la battaglia di Laura Boldrini, da presidente della Camera, per le desinenze di genere, a Montecitorio si affaccia quella per l'utilizzo dell'italiano al posto della lingua inglese. Ieri è stato protagonista di un episodio in questo senso, il vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli di Fdi.

Scrive Rampelli su twitter: "Alla Camera dei deputati italiana si parla italiano. Prosegue la battaglia sull'utilizzo della nostra lingua al posto dell'inglese. Non si capisce perché il dispensatore di liquido igienizzante per le mani debba essere chiamato 'dispenser'". Rampelli ha postato con il tweet anche un video di un frammento dell'aula di ieri: mentre era in presidenza, ha invitato i deputati a sanificare le mani utilizzando gli appositi 'dispenser' per poi aggiungere: "Per dispenser si intende dispensatore…".

Il tweet non è sfuggito a Carlo Calenda che commenta così: "Ammazza Fabio grande traguardo! Decisivo per famiglie e imprese. Dopo che hai cambiato nome al dispenser ti tocca cambiare anche Made in Italy. Una cosa tipo: fatto in Italia. Oppure ancora meglio: siamo parecchio fatti in Italia. Che descrive bene anche le vaccate che scrivete".