Camera Usa vota risoluzione per ridurre poteri di guerra a Trump

Pie

Roma, 10 gen. (askanews) - La Camera dei rappresentanti Usa ha votato una risoluzione che riduce in qualche modo i poteri di guerra del presidente Trump che, prima di intraprendere ulteriori azioni militari contro l'Iran deve chiedere l'approvazione del congresso. Pur non essendo vincolante e, la speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi ha difeso la valenza di questo provvedimento comunque ricordando che "è una dichiarazione del Congresso degli Stati Uniti". Lo riferisce il sito dell'AP.

La misura "proteggerà le vite e i valori americani" limitando le azioni militari di Trump, ha detto Pelosi. "L'amministrazione deve ridurre l'escalation e prevenire ulteriori violenze".

La Casa Bianca dal canto suo ha definito la risoluzione "ridicola" e "completamente fuorviante". La Camera ha approvato il provvedimento con 224 voti a favore e 194 contrari con soli tre repubblicani che hanno votato a favore. Otto democratici si sono opposti al provvedimento. Pelosi, nell'annunciare il voto della Camera, ha definito l'uccisione del generale Qassem Soleimani "provocatoria e sproporzionata".

Il portavoce della Casa Bianca Hogan Gidley ha detto: "Questa risoluzione della Camera cerca di minare la capacità delle Forze Armate statunitensi di prevenire l'attività terroristica dell'Iran e dei suoi delegati, e cerca di ostacolare l'autorità del Presidente di proteggere l'America e i nostri interessi nella regione dalle continue minacce".