Camerata Gaudenzi su Youtube: dirò mandante omicidio Diabolik -rpt

red/cro

Roma, 2 set. (askanews) - Passamontagna in testa, una pistola 357 magnum in mano, alle spalle un poster di "Opposta Fazione". Appare così su Youtube Fabio Gaudenzi, esponente dell'estrema destra di Roma, molto vicino all'ex militante dei Nar Massimo Carminati, condannato nel gennaio 2017 a 2 anni e 8 mesi nel processo d'appello su Mafia Capitale, in un video in cui annuncia: "Mi sto consegnando al Questore di Roma e parlerò del mandante dell'omicidio di Fabrizio Piscitelli e di tanto, tanto altro".

Nel filmato - prodotto con un'altra persona (all'incipit si sente un'altra voce dire "vai") - Gaudenzi spiega: "Ho pochi minuti perchè stanno arrivando, mi stanno per arrestare. Vorrei fare delle dichiarazioni: mi consegnerò come prigioniero politico. Mi chiamo Fabio Gaudenzi, sono nato a Roma il 3-3-'72. Appartengo dal 1992 a un gruppo elitario di estrema destra, denominato 'I fascisti di Roma Nord', con a capo Massimo Carminati. E ora vi do la lista: Fabio Gaudenzi, Fabrizio Piscitelli, Luca Caroccia, Fabrizio Caroccia, Elio Di Scala, Maurizio Boccacci, Brugia Riccardo e Massimo Carminati".

"Mi consegno - prosege - consapevole di subire dei processi, ma vorrei essere processato e se giusto condannato per banda armata, come dovrebbe essere per Massimo Carminati e Riccardo Brugia. Noi non siamo mafiosi, ma siamo fascisti: lo siamo sempre stati e lo saremo sempre. A Massimo carminati la mafia e la droga fanno schifo, e anche a me. Ma ne parleremo presto: mi sto consegnando al Questore di Roma e parlerò del mandante dell'omicidio di Fabrizio Piscitelli e di tanto tanto altro, ma solo con il dottor Gratteri, perchè questa è la mafia vera, non quella del 2014. Grazie e a presto".

Gaudenzi è stato arrestato oggi dalla polizia a Roma per detenzione di armi da guerra, dopo la pubblicazione del video. Questa mattina un vicino di casa ha sentito rumori simili a spari e ha chiamato i carabinieri. All'arrivo dei militari Gaudenzi si è chiuso nell'appartamento e ha chiesto di parlare con la polizia, alla quale poi si è consegnato. In casa gli agenti hanno trovato la 357 che appare nel filmato e una mitraglietta tipo Uzi. Gli investigatori hanno acquisito il video e sono in corso accertamenti sulle dichiarazioni di Gaudenzi.