Camilla fa piangere tutti con La Sera dei Miracoli. E Alo si prende XFactor con la canzone contro l'omofobia

Alessandro Buttitta

Un pornoattore come concorrente, Manuel Agnelli che si improvvisa notaio, la monumentale Mara Maionchi che dà lezioni di vita. La seconda puntata di X-Factor 12 non lascia indifferenti. Come nella miglior tradizione del programma, si muove in equilibrio tra momenti intensi e momenti divertenti. Si apprezzano nuovi interpreti – segnatevi i nomi di Camilla Musso, Anastasio e Luna Melis – e si assiste a una carrellata di esibizioni più o meno convincenti. In questo secondo atto di X-Factor c'è pure una guest star al tavolo dei giudici: Lodo de Lo Stato Sociale. Vi siete persi qualcosa? C'è il nostro recap qui per voi.

(Sky)

Top della serata – Seconda puntata ricca di talenti su cui scommettere in questa edizione. Si fa notare tantissimo Camilla Musso, sedicenne dalla grandissima voce e dalla grandissima personalità. Canta La sera dei miracoli di Lucio Dalla con una sensibilità fuori dal comune. Mara Maionchi stravede per lei: "Non solo canti bene, hai cantato una canzone da grandi e lo hai fatto in maniera ineccepibile". Approvazione generale anche per Luna Melis, coinvolgente in una versione assai originale di Bang Bang!, e Alessandro Casini, in arte Alo, con l'inedito Uomini che amano le donne. Per entrambi si sprecano i complimenti. Benissimo pure Marco Anastasio. Il rap del suo La fine del mondo conquista tutti. Fedez è stupito e si congratula per l'incredibile scrittura del brano.

(Sky)

La saggezza di Mara Maionchi – Comprendi veramente la statura morale di un giudice quando c'è da bocciare un concorrente particolarmente sensibile. Si veda quanto accaduto con Anna Boconcello che, animata dalle migliori intenzioni, si cimenta in una prova molto più grande di lei. Si esibisce dando voce a La luna bussò non convincendo i giudici. Affranta dai commenti, la diciottenne si incupisce. Mara Maionchi la desta con un discorso molto convincente. "Un no giusto è meglio di un sì sbagliato", sentenzia con decisione.

Continua a leggere su HuffPost