Camilla: “Kate è carina, ma le sue umili origini non si addicono alla Royal Family”

Vanessa Righetti

"Camilla ha cercato in tutti i modi di opporsi al matrimonio tra Kate e il Principe William. Non solo, avrebbe cercato l'appoggio del Principe Carlo per impedire che il primogenito sposasse, e concedesse il titolo di Duchessa di Cambridge, ad una donna di basso rango come Kate."

È quello che emerge da alcuni estratti del libro "Game of Crowns: Elizabeth, Camilla, Kate and the Throne", scritto dal giornalista americano del New York Times ed esperto di fatti e intrecci reali Christopher Andersen, autore di numerosi Best Sellers riguardanti anche alcuni presidenti USA.

Come riporta il DailyMail, la rivalità tra le due donne pare abbia origini lontane, iniziate poco dopo il fidanzamento tra il Principe William e Kate. Il background "troppo umile" di Kate l'avrebbe resa poco desiderabile agli occhi della Duchessa di Cornovaglia che avrebbe cercato di osteggiare l'unione tra i due.

"Proviene da una famiglia di minatori e la madre era un'assistente di volo"; questa come molte altre dichiarazioni attribuite a Camilla sono giunte ad Anderson, per finire poi nel suo libro dal titolo storpiato ispirato alla celebre saga fantasy della HBO "Game of Thrones".

Gli intrighi dalla Royal Family sono degni di quelli presenti nell'universo letterario creato da George R. R. Martin, in effetti.

Le smentite non hanno tardato ad arrivare da parte dei portavoce della famiglia reale, aggiungendo che Kate e Camilla condividono da tempo un sincero rapporto di stima e affetto reciproco.

Ad avvalorare la teoria che Anderson abbia riportato dichiarazioni non vere, Grant Harrol, maggiordomo del Principe Carlo dal 2005 al 2011 ha detto che tutto questo sarebbe solo il frutto di storie false e senza alcuna base reale.

Tuttavia Kate e Camilla, anche nelle apparizioni pubbliche non hanno mai dato grande dimostrazione di affetto reciproco. L'autore infatti sostiene apertamente che Camilla fosse preoccupata che una giovane donna, bella e di umili origini, non solo sposasse il primo genito...

Continua a leggere su HuffPost