Camilleri (Matica Technologies): giusto il progetto “Cashless Italia”, è ora di superare il contante

webinfo@adnkronos.com
·3 minuto per la lettura

ROMA 26 novembre 2020 - Il governo Conte presentò già nell’ottobre 2019 il cosiddetto “Progetto Italia Cashless”, che mira ad incentivare lo svolgimento di pagamenti digitali e ad eliminare l’uso del contante. Il piano economico in questione è andato avanti con diverse pause, soprattutto a causa del Coronavirus, anche se proprio un mese fa, l’8 settembre 2020, il Presidente del Consiglio ha incontrato diversi leader del settore finanziario, come esponenti e dirigenti di poste, banche, grandi aziende. Tra queste ultime, un’azienda che ha contribuito molto alla diffusione dei pagamenti digitali è Matica Technologies, di cui Sandro Camilleri è Presidente e amministratore delegato.

Pagamenti digitali: il piano del Governo italiano

Il Governo italiano mira a rendere i pagamenti digitali sempre più diffusi e l’obiettivo è quello di riuscire ad eliminare l’uso del contante, sebbene tale operazione potrebbe richiedere anni. I primi sono di gran lunga più vantaggiosi perché tracciabili, riducono il rischio di transazioni “in nero”, quindi di evasione fiscale, monitorano l’eventuale spostamento di denaro proveniente da azioni illegali. Il piano di Conte, chiamato “Progetto Italia Cashless” era già iniziato l’anno scorso e mira proprio a favorire l’uso del pagamento con carta di credito. Sebbene i suoi incontri con vertici e dirigenti di banche e Poste avessero subito un arresto già nel 2019, successive pause si sono viste con l’emergenza pandemica. Solo il mese scorso il piano Cashless è ripartito. È d’accordo con la diffusione di questo sistema digitalizzato di pagamenti anche un’altra importante figura esperta del settore: Sandro Camilleri, amministratore delegato di Matica Technologies.

Matica Technologies e Sandro Camilleri per la diffusione del pagamento digitale

Matica Technologies e Sandro Camilleri, suo CEO, fondatore, Presidente e amministratore delegato hanno realizzato in questi anni un importantissimo passo verso la diffusione dei pagamenti digitali, tanto che ad oggi l’azienda e l’esperto in questione possono contribuire in modo considerevole all’obiettivo del governo italiano. Matica è stata fondata dal 1992 e da anni si occupa di trovare soluzioni per la realizzazione ed emissione di carte di credito, di documenti di identità e di passaporti, ma anche di schede Nano SIM e Micro SIM. L'azienda in questione tra l’altro utilizza sistemi tecnologici innovativi e di livello avanzato per la realizzazione dei suoi prodotti e si occupa anche della produzione di stampanti ID e macchine desktop laser. Matica opera negli USA, Asia, Europa, paesi Arabi. Il suo fondatore, Sandro Camilleri, è favorevole alla diffusione dei pagamenti digitalizzati e in numerose interviste ha dichiarato come il sistema digitale per le transazioni economiche sia un metodo sempre più apprezzato e adoperato in diverse nazioni, nonché molto vantaggioso. Compito di Matica è quello di aumentare la sicurezza dei pagamenti digitali. L’azienda inoltre possiede ben 20 anni di esperienza nel settore, fattura circa 60 milioni di euro l’anno, conta 200 dipendenti e ben 8 sedi in tutto il mondo. Poiché il suo fondatore è un esperto molto conosciuto nel settore finanziario, si può sostenere che egli possieda l’autorevolezza anche per indirizzare l’opinione pubblica a scegliere la soluzione migliore, che è quella di imparare a prendere dimestichezza con l’uso della carta di credito e con lo svolgimento online di ogni forma di pagamento, che costituiscono una soluzione più rapida del contante e anche più tracciabile e sicura.

A cura di: https://www.maticacorp.com/it/