Camionista investito nel piazzale di uno zuccherificio dopo una lite

camionista bologna

Il suo nome è Rachid Nfir. Si chiama così l’uomo di origine nordafricana, un dipendente di uno zuccherificio nel bolognese che è morto questa mattina, venerdì 27 settembre 2019. Intorno alle ore 10:30 circa l’uomo ha perso la vita perché investito da un camion. Proprio nel piazzale dello zuccherificio Coprob di Minerbio, in provincia di Bologna, dove l’uomo lavorava come camionista. Dietro questa vicenda potrebbe esserci una lite. Una discussione piuttosto accesa a giudicare dall’epilogo.

Camionista muore investito

L’uomo di origine marocchina aveva 47 anni. Si trovava nel piazzale dello zuccherificio di Minerbio quando, in mattinata, è stato investito da un camion guidato da un suo collega. I testimoni hanno riferito che i due dipendenti avevano avuto un battibecco poco prima ma non se ne conoscono ancora le cause. L’uomo che ha investito Rachid Nfir è un italiano.

Potrebbe essere accusato di omicidio. Pare che sia stato un camionista italiano, anche lui dipendente di uno zuccherificio nel bolognese, a togliere la vita di Rachif Nfir, un uomo di 47 anni di origine marocchina. Alcuni testimoni presenti sul posto, questa mattina, venerdì 27 settembre 2019, hanno riferito alle autorità che i due avevano avuto un litigio piuttosto acceso. Probabilmente, in seguito a questo diverbio, il camionista italiano avrebbe ben pensato di travolgere il suo collega, investendolo con un camion. Senza però più di tanto pensare alle conseguenze: se così fosse, l’uomo sarebbe accusato di omicidio. Sono attualmente in corso le indagini da parte delle forze dell’ordine affinché si scopra la verità.