Camorra, boss "regalò" un neonato a un affiliato

(Getty Images)

Un capoclan della camorra avrebbe "regalato" un neonato a un proprio affiliato, versandogli 10mila euro necessari per pagare una donna dell'est europeo disposta a cedergli il frutto di una sua gravidanza.

Il fatto, riportato dal quotidiano "Il Mattino", emerge da un'inchiesta della Dda di Napoli sulle cosche della zona orientale della città. Secondo quanto riferisce il giornale, il boss sarebbe accusato di falso e alterazione di stato civile, aggravati dal fine mafioso.

VIDEO - Fermata all'aeroporto di Manila con un neonato nascosto in borsa

Avrebbe agito, scrive il gip, per "fornire la dimostrazione sul territorio della forza della propria organizzazione, tanto da mostrarsi in grado di procurare un figlio a uno dei suoi affiliati". Una vicenda, scrive il magistrato, indice "dell'esistenza di un contesto criminale organizzato, avente a oggetto un traffico illegale di bambini che, trovando avallo nelle dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia e da altre fonti investigative, appare suscettibile di un approfondimento investigativo".

Sul caso indaga la procura partenopea, non si escludono ulteriori sviluppi.

VIDEO - La denuncia di Maria: lasciata sola a partorire in cella a Denver