Camorra: indagine su clan rione Sanità, 19 arresti

Diciannove persone sono state arrestate dai carabinieri  di Napoli, nell'ambito di una operazione denominata "Stella nera", per associazione a delinquere di stampo camorristico, associazione a delinquere dedita al traffico di stupefacenti, estorsioni  aggravate dal metodo e dalla finalità mafiosa.

L'indagine ha permesso di ricostruire i mutamenti  negli assetti criminali nel rione Sanità di Napoli negli ultimi anni, ricostruendo il ruolo del clan Mauro, attivo nella zona chiamata 'ai Miracoli, con a capo Ciro Mauro, 67 anni,  soprannominato 'o milionario. Intercettazioni  ambientali e telefoniche e il monitoraggio e i controlli di persone collegate al nucleo familiare del boss e dei suoi più fidati uomini hanno permesso di tracciare l'organigramma del clan di una parallela associazione criminale che rifornisce di stupefacenti le diverse piazze di spaccio del quartiere.

Anche grazie alle dichiarazioni dei pentiti, ricomposto il quadro del sistema di alleanze e contrapposizioni che hanno contrassegnato la storia della criminalità del quartiere cittadino negli ultimi anni, dalla scarcerazione di Ciro Mauro nel 2013. Nonostante il clima di omertà che induce le vittime a non presentare denunzia, scoperte estorsioni, tentate e consumate, in danno di attività imprenditoriali e commerciali con richieste di denaro tra 1.000 e 20.000 euro. Alla notifica dei provvedimenti ha collaborato la polizia. Sono 18 le persone in carcere, tra cui il boss, mentre per una il Gip ha disposto i domiciliari.