Camorra, maxi riciclaggio a vantaggio clan Casalesi: arresti

·1 minuto per la lettura

Un giro di movimentazioni finanziarie per far confluire, su conti correnti postali, grosse somme di denaro destinate ai familiari di affiliati al clan camorristico dei Casalesi detenuti in carcere. E' quanto scoperto nel corso delle indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli e culminate oggi nell'esecuzione di un'ordinanza, emessa dal gip di Napoli, nei confronti di 63 persone, di cui 48 tratte in arresto, tutte domiciliate tra le province di Napoli, Caserta e Salerno e gravemente indiziate, a vario titolo, per il reato di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio a vantaggio del clan dei Casalesi. Tra il 2016 e il 2020 le somme prelevate ammontano a circa 80 milioni di euro, con prelievi di circa 55mila euro al giorno di media.

Le indagini condotte dal Nucleo speciale di Polizia valutaria e coordinate dalla Dda di Napoli si sono focalizzate sul sistema fondato sull'utilizzo di denaro frutto di frodi fiscali commesse sul territorio nazionale, già oggetto di altre indagini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli