Camorra, tentato omicidio Anna De Luca Bossa: un arresto

Psc

Napoli, 16 ott. (askanews) - Un'ordinanza cautelare, emessa dal gip del tribunale di Napoli su richiesta della locale Dda, è stata eseguita dai carabinieri nei confronti di un indagato ritenuto responsabile del tentato omicidio, aggravato dal metodo mafioso, di Anna De Luca Bossa. L'agguato alla donna, avvenuto nel luglio 2014, costituisce uno dei numerosi atti di violenza commessi a Napoli nel corso della faida tra il clan De Micco e il clan D'Amico (Fraulella).

In particolare, gli affiliati ai De Micco - ricostruisce l'Arma - si sono resi responsabili di continue azioni di fuoco, non di rado culminate in omicidi per ottenere la supremazia sul territorio soppiantando le organizzazioni criminali preesistenti o che stavano cercando di farsi strada in seguito alla disarticolazione del clan Sarno. Azioni di fuoco eseguite soprattutto sulle piazze di spaccio e dirette ad accaparrarsi in maniera esclusiva la gestione del traffico di stupefacenti.

(segue)