Camorra, violenza privata ed estorsioni: 4 arresti clan Contini

Psc

Napoli, 30 gen. (askanews) - Quattro persone, ritenute appartenenti al clan camorristico Contini, sono state arrestate nell'ambito di un'indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea. A eseguire l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del tribunale di Napoli, i carabinieri del Nucleo investigativo e della Compagnia di Napoli-Stella e agenti della Squadra Mobile. I reati contestati, a vario titolo, agli indagati sono violenza privata, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato, intralcio alla giustizia ed estorsione, tutti aggravati dal metodo mafioso.

Il provvedimento scaturisce da acquisizioni investigative che hanno permesso di contestare, a vario titolo, agli indagati, negli anni dal 2012 al 2018, di aver: avvicinato, minacciato ed usato violenza nei confronti dei familiari di un collaboratore di giustizia per scoprire la località protetta dove si trovava, nonché influenzare e far ritrattare la sua collaborazione in modo da salvaguardare gli interessi del gruppo di appartenenza, intralciando il regolare percorso della giustizia e consumato cinque estorsioni. Le indagini hanno documentato la pericolosità delle condotte perpetrate dagli affiliati al clan Contini ai danni di cittadini ed imprenditori dell'area di influenza del gruppo camorristico.