In campagna elettorale il leader della Lega torna su un suo vecchio “cavallo di battaglia”

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Da Lampedusa Matteo Salvini “risfodera uno dei suoi evergreen” più riusciti: “Proporrò la reintroduzione del servizio militare per i giovani”. In piena campagna elettorale per il voto del 25 settembre il leader della Lega torna su un suo vecchio “cavallo di battaglia” e il Salvini in versione comiziale non poteva non riproporlo, come  i ricordi fighi su Facebook. Ecco perché senza nulla togliere alle hit del calibro di  sicurezza e  immigrazione con cui il Capitano era andato dritto al Viminale non è mancato il tema che vede il Capitano “farsi Caporale”.

Salvini e il “servizio militare per i giovani”

Il dato è che il leader della Lega vuole tornare al Viminale con il prossimo governo, magari con Giorgia Meloni presidente del Consiglio. Ed uno dei grandi classici di Salvini e quello per cui a lui “piacerebbe che i nostri giovani rifacessero il servizio militare. Anzi proporrò la sua reintroduzione”. Lo ha ribadito a Lampedusa il 4 agosto nel corso della sua visita sull’isola all’hotspot che accoglie i migranti.

Un tema che ricorre a step precisi

Il tema della leva obbligatoria è una specie di costante nel linguaggio di consenso di Salvini: “Servirebbe a formare, educare e a reinsegnare rispetto”. Il mood è quello di una Lega familista che si rifà ai vecchi valori e che mette fra di essi come totem l’espletamento del proprio dovere in divisa nei confronti dello Stato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli