Campania, Daniele: solidarietà a chi lavora al S. Giovanni Bosco

Com/Psc

Napoli, 4 set. (askanews) - "La tutela della salute è riconosciuta dall'art. 32 della nostra Costituzione ed è per i tutti i cittadini che i presidi ospedalieri e chi vi opera devono poter lavorare in condizioni adeguate. Per questo stamattina, insieme al direttore sanitario Rago, mi sono recato al San Giovanni Bosco, per essere vicino a tutti i lavoratori di questo presidio ospedaliero: un Dea di primo livello dell'Asl Napoli 1 Centro, principalmente dedicato all'attività di emergenza-urgenza". A dichiararlo il consigliere regionale della Campania, Gianluca Daniele. "Questo presidio ospedaliero è negativamente noto per essere stato al centro delle cronache locali e nazionali per varie vicissitudini, che hanno oscurato le professionalità che vi operano quotidianamente. Persone che, solo grazie alla propria abnegazione al lavoro - continua Daniele -, sono riuscite ad andare avanti nonostante tutto. Le aggressioni subite dal personale sono intollerabili e condannabili, oltre alla mortificazione personale di chi le subisce, danneggiano il normale e sereno svolgimento delle attività sanitarie. È indispensabile continuare - conclude il consigliere -, così come ha ben fatto il Direttore Generale e le organizzazioni sindacali presidiali, a chiedere un presidio di polizia attivo h24 al fine di rendere più sicuro un luogo di lavoro nel quale tutti gli operatori, dal direttore sanitario all'ultimo collaboratore, sono impegnati ad assicurare servizi assistenziali che rispondono ai reali bisogni di salute dei cittadini".