Campania, Ronghi (sp): lavoro, prima di assumere con "concorsone"

Cro

Roma, 22 lug. (askanews) - "Prima di assumere personale in Regione e nei Comuni attraverso il cosiddetto 'concorsone', bisogna, prioritariamente stabilizzare i Bros, gli LSU e tutti i precari della Regione Campania". E' quanto ha affermato il dirigente di "Sud Protagonista", Salvatore Ronghi, nella conferenza stampa, tenuta, stamani, sotto la sede della Regione Campania, a via Santa Lucia, a Napoli, insieme con il Coordinatore regionale e il vice portavoce regionale di FdI, Gimmi Cangiano e Marco Nonno, il portavoce regionale di SP, Luigi Ferrandino, e con la partecipazione di centinaia di lavoratori aderenti al progetto Bros.

"Siamo pronti ad incontrare il presidente De Luca, che ha aperto, seppur in ritardo, la vertenza-lavoro in Campania, affinchè venga garantito lavoro stabile e di qualità a tutta la platea dei Bros, agli Lsu, al personale dei Cub e dei Consorzi e affinchè vengano svuotate tutte le sacche di precariato presenti nella nostra Regione", ha aggiunto Ronghi, per il quale "anche la questione dei navigator va affrontata nell'ottica di non creare nuovo precariato".

"De Luca ha fallito su tutti i fronti e cerca di 'recuperare' in extremis con il cosiddetto 'concorsone', che sa tanto di operazione clientelare", ha sottolineato il coordinatore regionale del partito di Giorgia Meloni, Gimmi Cangiano - , per questo chiediamo che venga garantita la massima trasparenza, onde evitare di illudere nuovamente i tanti disoccupati della Campania e, comunque, chiediamo che, prima di procedere a nuove assunzioni, si garantisca lavoro stabile a chi, da oltre vent'anni, brancola nella totale incertezza occupazionale, e si risolvano le tante crisi aziendali che affliggono la nostra Regione".

"Da oltre venti anni, i Bros attendono un lavoro stabile e, oggi, non solo ciò non è avvenuto, ma sembra che siano state messe in campo operazioni poco chiare per le quali alcuni di essi sono stati chiamati per inserimenti lavorativi ed altri no", ha evidenziato il vice portavoce regionale di FdI, Marco Nonno, per il quale "non devono assolutamente verificarsi discriminazioni, che produrrebbero solo una guerra tra poveri, mentre a tutti va garantita la dignità del lavoro. Da parte nostra - ha concluso - chiediamo a De Luca di fare chiarezza e di garantire che, prima di procedere alle assunzioni con il Piano lavoro, vengano stabilizzati tutti i Bros e tutti i precari della Campania".

"La vertenza-lavoro in Campania è grave ed ampia e, per questo, siamo aperti al confronto e sfidiamo il presidente della Regione sul terreno della trasparenza e della legalità, che devono permeare ogni ragionamento ed ogni iniziativa sul lavoro, soprattutto quando si tratta di disoccupati storici che, per anni, hanno lottato per il lavoro e, per i quali, va garantito, a tutta la platea, un futuro di lavoro stabile e di qualità'", ha concluso il Portavoce regionale di Sud Protagonista, Ferrandino.