Campi coltivati invece che foreste: cultura scimmie è a rischio -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 28 lug. (askanews) - "Queste scimmie imparano ad usare strategicamente strumenti in pietra o legno prendendo parte alla vita del gruppo, da una generazione all'altra. I loro comportamenti sono socialmente trasmessi, vengono acquisiti dai giovani che quotidianamente partecipano alle attività dei membri più esperti del gruppo, ma ci mettono anni e anni per imparare", spiega Visalberghi, primatologa Cnr-Istc.

"Purtroppo, Piauí e Maranhão si trovano in un'area interessata da un piano di espansione agricola iniziato trent'anni fa, che ne sta velocemente riducendo la biodiversità, mettendo a rischio la sopravvivenza di molte specie animali", afferma Presotto, biogeografa dell'università di Salisbury.

"Nello studio abbiamo analizzato immagini satellitari di Fazenda Boa Vista: nel 1987 non c'erano terreni agricoli, mentre abbiamo verificato un drastico cambiamento tra il 2000 e il 2017, con un aumento delle aree coltivabili di oltre il 350%. Proiezioni al 2034 prevedono un'ulteriore diminuzione delle aree umide e rocciose a causa dell'erosione del suolo. A Morro do Boi la situazione non è migliore. Già nel 1987 il 2% dell'area era stata convertita all'agricoltura, ma fra 2000 e 2017 l'agricoltura intensiva è aumentata del 323% e la simulazione indica che nel 2034 metà della foresta di mangrovie sarà convertita e/o degradata".

(Segue)

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.