Campi di mais e frutteti per nascondere le piantagioni di droga

·2 minuto per la lettura

AGI - La Campania da anni è territorio di coltivazioni illegali di cannabis indica, il cui prodotto essiccato è destinato ad alimentare i canali di approvvigionamento dei pusher. Ci sono quelle sterminate nascoste tra i boschi dei monti Lattari, e quelle piccole e  'casalinghe' in garage e sottotetti, con le piante in vaso. Ma il business è redditizio e fa gola, portando anche insospettabili a coltivare la pianta da cui si ottiene la marijuana.

Tra Salernitano e Napoletano, oggi, le ultime piantagioni scoperte, questa volta tra frutteti e campi di mais.

I carabinieri della stazione di Varcaturo hanno arrestato per coltivazione e detenzione di droga a fini di spaccio un 79enne incensurato di Giugliano, che in un terreno  di circa 8 ettari, tra i filari di un frutteto da lui coltivato per conto di una società milanese, si prendeva cura anche di 16 piante di cannabis alte tra i 3 e i 4 metri; 85 chili di 'erba' irrigata con un sistema a pioggia che, essiccata, avrebbe certamente fruttato molto denaro ai pusher.

L'uomo è ai domiciliari in attesa dell'udienza di convalida del fermo.  

I finanzieri del Comando Provinciale di Salerno hanno poi arrestato un 30enne di Agropoli pure per coltivazione di droga  ai fini di spaccio. Nel corso di un pattugliamento lungo il fiume Solofrana, all'interno di un fondo agricolo privato, tra la fitta vegetazione di piante di mais, i baschi verdi hanno notato un tubo per l'irrigazione lungo oltre 100 metri, collegato a un rubinetto esterno a un casolare. Insospettiti dalla presenza del tubo di gomma, hanno fatto irruzione nel terreno, dove sono state scoperte 38 piante di marijuana, in ottimo stato di maturazione, alte sino a 2 metri.

Le successive ndagini hanno individuato l'uomo con precedenti legate allo spaccio di droghe come responsabile di quella coltivazione. Una perquisizione della sua abitazione  ha permesso di trovare due manuali con le istruzioni d'uso relative alla coltivazione di marijuana 'fai da te'. Il 30enne è si domiciliari, misura cautelare personale poi confermata dal gip in giudizio direttissimo, nell'attesa del rito abbreviato previsto per settembre. Le piante sequestrate avrebbero permesso una  produzione di almeno 1,5 chili di fioritura pronta per essere fumata con un giro d'affari stimato di circa 20 mila euro, sottratta alle piazze di spaccio del Cilento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli