Campi rom, Salvini: censimento mio dovere e diritto di italiani

Cro/Ska

Roma, 18 lug. (askanews) - "E' grave che alcuni sindaci di sinistra si oppongano al censimento delle presenze nei campi rom, 'regolari' o abusivi, visto che per queste realtà vengono spesi (quasi sempre male) milioni di euro di fondi pubblici al mese. Ritengo sia dovere del ministro e diritto degli italiani sapere chi in queste realtà vive di illegalità, manda i figli a scuola, ha un lavoro, paga le tasse o campa alle spalle del prossimo". Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini.