Campidoglio, entro l'anno via bancarelle dalle zone di pregio

Red/Nav

Roma, 30 ago. (askanews) - Entra nel vivo l'operazione decoro per riordinare le aree di particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico della città dalle attività commerciali ambulanti dichiarate non compatibili con le esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale capitolino.

Grazie all'approvazione in Giunta dello schema di protocollo d'intesa tra Roma Capitale, Regione Lazio e Ministero per i Beni e le Attività Culturali, gli esiti del Tavolo del Decoro verranno definitivamente formalizzati per procedere - ciascun ente con le proprie prerogative - al dimezzamento delle postazioni censite dopo un attento lavoro di verifica e valutazione nei sette ambiti territoriali individuati (1. Area archeologica centrale - Circo Massimo - Tridente; 2. Piazza Navona - Piazza della Rotonda/Pantheon; 3. San Pietro - Borgo - Conciliazione - Sant'Angelo - Risorgimento; 4. Termini - Repubblica - Castro Pretorio - Esquilino - San Giovanni; 5. Gianicolo - Villa Borghese - Pincio; 6. Testaccio - Trastevere; 7. Caracalla - Cave Ardeatine - Ostiense - Appia Antica). Ora è necessario che la Regione Lazio e il MIBAC, con cui il lavoro del Tavolo del Decoro è stato portato avanti in grande sinergia, approvino con sollecitudine delibere analoghe in modo da rendere concrete le determinazioni assunte finora. (Segue)