Campomenosi (Lega): "Gancia non rischia l'espulsione"

L'eurodeputata della Lega Gianna Gancia non rischia di essere espulsa dalla delegazione del Carroccio nel Parlamento Europeo a causa delle sue posizioni. "No, assolutamente - risponde a Bruxelles il capodelegazione Marco Campomenosi - è un partito grande: io ho posizioni molto diverse, ma non c'è assolutamente un problema in questo senso". Ieri il Foglio ha riferito di tensioni interne alla delegazione, dovute alle differenti posizioni in materia di Brexit e di linea politica nei confronti dell'Ue: Gianna Gancia, imprenditrice, già presidente della Provincia di Cuneo ed esponente della 'vecchia guardia' leghista malgrado abbia solo 47 anni, ha scritto su Twitter che ora, davanti alla Brexit, bisogna "costruire gli Stati Uniti d'Europa". Secondo la deputata, l'Ue "deve riscoprire la propria identità e avviare una seria e profonda riforma interna". Una linea 'eurocritica', quella dell'imprenditrice piemontese, diversa da quella, assai più radicale, di altri europarlamentari della Lega, come il presidente del gruppo Identità e Democrazia Marco Zanni, ex M5S, che propugna un'Europa degli Stati nazionali.