Can Yaman "assaltato" dalle fan all'uscita dall'hotel: a stento raggiunge l'auto

·1 minuto per la lettura
(Instagram)
(Instagram)

E' un vero e proprio bagno di folla quello che accompagna Can Yaman durante il suo soggiorno a Palermo. Già appena sceso dall'aereo, l'attore turco aveva trovato ad attenderlo centinaia di fan. Ma adesso per lui diventa difficile anche uscire dall'hotel e raggiungere la sua auto. Centinaia di fan lo hanno "assaltato", circondandolo, fotografandolo, tirandolo da una parte e dall'altra, fino a quando non è riuscito a entrare nell'auto che doveva portarlo sul set della fiction che gira in Sicilia. E anche allora è stato difficile partire.

LEGGI ANCHE: Can Yaman e Francesca Chillemi a cena insieme: amicizia o flirt?

L'attore non si scompone. Apprezza l'affetto dei fan e sul suo profilo Instagram ci scherza su, postando foto e video dei vari "assalti" nei suoi confronti. In fondo, sa di essere entrato nel cuore di tante persone, soprattutto di tante donne, e apprezza il suo successo. 

LEGGI ANCHE: Diletta Leotta: è finita con Can Yaman

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Can Yaman, parla il padre dell'attore: cosa dichiara su Diletta Leotta e il possibile matrimonio

Can Yaman, conosciuto in Italia prima per la relazione con Diletta Leotta, è atterrato domenica all’aeroporto Falcone e Borsellino per le riprese di una fiction che lo vedrà protagonista assieme all’ex miss 2003 Italia, Francesca Chillemi. “Già amo Palermo, abbiamo iniziato bene”, ha scritto su Instagram dopo il suo arrivo all'aeroporto, postando i video dei fan assiepati per chiedergli l'autografo. Can Yaman rimarrà in Sicilia per un mese. Speriamo che almeno lo lascino respirare. 

LEGGI ANCHE: Can Yaman pronto al debutto: «Ho un personaggio super figo»

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Diletta Leotta e Can Yaman, weekend romantico a Capri

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli