Canada, aggressione all'arma bianca davanti a una biblioteca di Vancouver

·2 minuto per la lettura
vancouver
vancouver

Attimi di panico in Canada, dove un accoltellamento avvenuto nella città di Vancouver ha provocato un morto e cinque feriti nella giornata di sabato 27 marzo. L’attacco è avvenuto nei pressi della biblioteca della cittadina e sarebbe stato sferrato da un uomo isolato, anche se ancora non sono chiari i motivi che lo hanno spinto a compiere il gesto. L’uomo è stato successivamente fermato e arrestato dalla polizia canadese, che secondo alcuni testimoni gli avrebbe sparato con dei proiettili di gomma.

Accoltellamento a Vancouver, un morto

L’aggressione è avvenuta nel primo pomeriggio di sabato all’interno del quartiere di North Shore. Le forze di polizia accorse sul posto hanno in seguito chiesto alle persone presenti all’evento di condividere le loro testimonianze alle autorità, soprattutto in caso di filmati video che potrebbero essere utilizzati per ricostruire nei dettagli la vicenda.

Il sergente Frank Jang dell’Integrated Homicide Investigation Team ha dichiarato in conferenza stampa che l’aggressore è un uomo di circa vent’anni con precedenti penali, attualmente arrestato e posto in stato di custodia cautelare. Nel frattempo le autorità di North Vancouver hanno chiuso la biblioteca per il resto della giornata, chiedendo ai cittadini di evitare la zona.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Sull’episodio è intervenuto anche il primo ministro canadese Justin Troudeau, che in un tweet ha dichiarato: “Il mio cuore è a North Vancouver stasera. A tutti coloro che sono stati colpiti da questo violento incidente nella Lynn Valley dico; sappiate che tutti i canadesi vi tengono nei loro pensieri e augurano una pronta guarigione ai feriti.