Canada,fosse comuni, molti chiedono cancellazione festa nazionale

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 1 lug. (askanews) - La scoperta di molte tombe e fosse comuni di bambini indiani in Canada, morti mentre frequentavano le scuole in cui erano stati mandati per un programma di assimilazione, ha spinto molti esponenti della società civile, della cultura e della politica canadesi a chiedere la cancellazione della festa nazionale del 1 luglio, il cosiddetto "Canada Day". Il premier Trudeau ha già risposto che le celebrazioni si terranno ugualmente ma che bisognerà "riflettere" su quanto accaduto.

I resti di 182 persone vicino ai terreni del St'Eugene, un'ex scuola residenziale nella Columbia Britannica sono stati trovati mercoledì dalla Lower Kootenay Band (un gruppo indiano che fa parte della nazione Ktunaxa.

La scoperta si aggiunge a un numero crescente di tombe non contrassegnate in tutto il Canada.

I leader indigeni hanno affermato di aspettarsi che verranno trovate più tombe man mano che le indagini continueranno.

Questa scoperta più recente è avvenuta alla vigilia del Canada Day, la festa di fondazione della nazione destinata a segnare la data nel 1867 in cui tre colonie britanniche si unirono per creare il Dominio del Canada.

Molti indigeni in Canada non hanno mai riconosciuto il Canada Day, un sentimento che è cresciuto nelle ultime settimane quando sono stati trovati altri siti gravi.

I comuni di tutto il Canada hanno annullato le celebrazioni e le statue di personaggi coinvolti nelle scuole residenziali sono state vandalizzate o rimosse in tutto il paese.

"Non puoi mai prepararti completamente per qualcosa del genere", ha detto il capo Jason Louie della Lower Kootenay Band.

St Eugene's è stato gestito dalla Chiesa cattolica dal 1912 fino all'inizio degli anni '70. Era uno degli oltre 130 collegi obbligatori finanziati dal governo canadese e gestiti da autorità religiose durante il XIX e il XX secolo con l'obiettivo di assimilare forzatamente i giovani indigeni.

Fino a 100 membri della Lower Kootenay Band sono stati costretti a partecipare al programma. Parlando mercoledì, il primo ministro Justin Trudeau ha affermato che le scoperte "ci hanno costretto a riflettere sulle ingiustizie storiche e in corso che le popolazioni indigene devono affrontare". Il Canada Day "sarà un giorno in cui festeggeremo", ha affermato Trudeau. "Ma rifletteremo principalmente sul lavoro che tutti noi dobbiamo fare".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli