Canada, Lady Huawei rientra in Cina dopo tre anni di detenzione

·2 minuto per la lettura
Huawei Technologies Chief Financial Officer Meng Wanzhou leaves her home to attend a court hearing in Vancouver, British Columbia, Canada December 7, 2020. REUTERS/Jennifer Gauthier     TPX IMAGES OF THE DAY
Huawei Technologies Chief Financial Officer Meng Wanzhou leaves her home to attend a court hearing in Vancouver, British Columbia, Canada December 7, 2020. REUTERS/Jennifer Gauthier TPX IMAGES OF THE DAY

Si è chiusa la crisi diplomatica fra Cina e Canada che ha visto al centro Meng Wanzhou.

La direttrice finanziaria del colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei - nonché figlia del suo fondatore Ren Zhengfei - è stata rilasciata da un giudice a Vancouver, ha lasciato il Canada ed è in volo verso la Cina. 

VIDEO - Huawei, fondatore spera che Biden ponga termine a linea dura

Poche ore dopo il rilascio di Lady Huawei, due cittadini canadesi detenuti in Cina dal 2018, Michael Kovrig e Michale Spavor, sono stati liberati da Pechino e stanno per ritornare in patria.

LEGGI ANCHE: Il caso dei due canadesi liberati da Pechino in cambio di Lady Huawei

La figlia 49enne del fondatore di Huawei, sarebbe stata ripresa dalla tv canadese mentre si imbarcava su un volo per la città di Shenzhen. 

Il rilascio è giunto dopo un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per la sospensione delle accuse di frode bancaria e la richiesta di estradare dal Canada Meng Wanzhou, che era stata arrestata il primo dicembre 2018 su richiesta di Washington.

"Bentornata a casa": è il primo commento di un funzionario del governo cinese alla conclusione della vicenda. E' del portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, che lo ha postato sul suo account personale Weibo, la piattaforma di microblogging più popolare in Cina e che è stato comunque rilanciato dai media ufficiali di Pechino.

"Senza un Paese forte non avrei oggi la mia libertà". E' il ringraziamento rivolto alla Cina da Meng Wanzhou, parlando sul volo che la sta riportando in patria. Meng, secondo i media cinesi, ha ringraziato anche il Partito comunista e il governo di Pechino. "E' il brillante rosso cinese che ha acceso il fuoco della fede nel mio cuore, ha illuminato i momenti più bui e mi ha condotto nel lungo viaggio verso casa. Nonostante tutti i colpi di scena, questo viaggio di ritorno è il più dolce verso casa", ha aggiunto Meng, sulla cui vicenda sta soffiando con forza la propaganda. 

GUARDA ANCHE: Huawei lancia il suo sistema operativo HarmonyOS

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli