Cancel culture in salsa russa: Putin cassa la storia dei gulag

·3 minuto per la lettura
Russia's Supreme Court judge Alla Nazarova (C) orders the closure of Memorial International, the organisation's central structure, over breaches of its designation as a
Russia's Supreme Court judge Alla Nazarova (C) orders the closure of Memorial International, the organisation's central structure, over breaches of its designation as a

Con un colpo di spugna la Russia di Putin ha tradito la memoria di milioni di vittime dei gulag. Memorial chiuderà. La Corte Suprema russa si è espressa una volta per tutte sul destino della più antica associazione per la difesa dei diritti umani del paese. Già inclusa nel registro degli agenti stranieri, era finita nuovamente nell’occhio del ciclone lo scorso 8 novembre. In quell’occasione l’Ufficio del Procuratore generale ne aveva chiesto la liquidazione perché, secondo lui, i difensori dei diritti umani dal 2013 al 2016 sarebbero stati impegnati in attività politiche che avrebbero violato sistematicamente i requisiti sulla marcatura dei materiali emessi da un agente straniero. Il 28 dicembre la condanna definitiva della Corte Suprema russa. Nell’annunciare la decisione, il giudice Alla Nazarova ha dato ragione al Procuratore generale. L’associazione è accusata di creare un’immagine ingannevole dell’Unione Sovietica come “Stato terrorista”, speculando sul tema delle repressioni e di essere coinvolto nella riabilitazione dei “traditori della madrepatria” ha dichiarato il portavoce del pubblico ministero, Alekseij Zhafjarov.

Memorial, fondata nel 1989 dal premio Nobel per la Pace Andrei Sakharov e da altri dissidenti sovietici, ha lavorato senza sosta per documentare le atrocità e la repressione politica a partire dall’era di Stalin. L’obiettivo iniziale, infatti, era stato quello di preservare la memoria delle vittime dei gulag, i campi di lavoro forzato dove tra il 1930 e il 1953 furono imprigionati per volere di Stalin quasi 20 milioni di oppositori politici. Memorial ha contribuito alla conservazione della memoria delle vittime attraverso la creazione di complessi commemorativi, centri scientifici, informativi ed educativi, archivi pubblici che raccolgono foto e nomi delle vittime del terrore staliniano. Ha fornito anche assistenza agli ex repressi bisognosi e ai loro familiari e tutela giuridica. Senza dubbio una presenza scomoda nella Russia di Putin. Non solo perché ha contribuito a ripristinare la verità storica sui crimini dei regimi totalitari contro l’umanità, sui metodi di governo illegali e terroristici attraverso banche dati e archivi. Oggi continua a rappresentare un ostacolo perché fa luce sulle continue violazioni e limitazioni dei diritti umani in Russia. Come aveva fatto in Arcipelago Gulag Aleksandr Solženicyn, una tremenda e cruda denuncia di ciò che accadeva nei campi di lavoro, utilizzati per “rieducare” il prigioniero. L’opera fu pubblicata in Occidente nel 1973 e circolò clandestinamente nell’Urss fino al 1989. Solo dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, l’opera fu pubblicata liberamente e integralmente.

Parte dell’orgoglio russo si fonda sulla propria storia, il passato glorioso di quando erano una grande Unione Sovietica. Attraverso la sua attività, Memorial è entrata in conflitto con questa visione. È per questo che il procuratore russo ha descritto l’organizzazione come un’arma geopolitica usata dai governi stranieri per privare i russi moderni di essere orgogliosi dei risultati dell’Unione Sovietica. Riporta a galla una vecchia ma costante sensazione familiare al Cremlino: la paura che gli alleati occidentali possano attaccare da un momento all’altro e quindi isolarsi e eliminare quelli che, secondo alcuni, sono nemici in casa propria.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli