Cancellata la data diAlbenga del Jova Beach Party, la spiaggia non c'è più

HuffPost

E’ stata cancellata la data di Albenga del Jova Beach Party, tour nelle spiagge di Jovanotti. Il concerto era previsto per il 27 luglio. I tecnici del Jova Beach Party che hanno effettuato i rilievi per il posizionamento delle strutture hanno scoperto che il fenomeno dell’erosione delle spiagge in Liguria, che ha già colpito altre cittadine, si è esteso anche sulla spiaggia prescelta per il Jova Beach Party ad Albenga. Dai rilievi ortofotografici risulta una riduzione di 10/12 metri, forse causata dal maltempo.

Il fenomeno, rispetto ai primi rilievi effettuati a novembre, si era già evidenziato durante la primavera ma si è ulteriormente accentuato nel corso delle ultime settimane, probabilmente a causa dell’ultima ondata di maltempo.


La produzione sta cercando una possibile location alternativa che possa soddisfare gli spettatori dell’area nordovest, in sostituzione della data ligure. Nel giro di qualche giorno saranno date ulteriori comunicazioni. In alternativa il rimborso dei biglietti sarà reso disponibile da lunedì 29 luglio fino al 31 agosto.

E’ amareggiato il sindaco di Albenga Riccardo Tomatis per la decisione degli organizzatori di non realizzare nella cittadina della riviera ligure il “Jova Beach Party. La spiaggia alla foce del fiume Centa non è più nelle condizioni di ospitare l’esibizione di Jovanotti perchè 10-12 metri sono stati “mangiati” dalle onde nella mareggiata dei giorni scorsi. “Purtroppo sono emerse delle criticità che gli organizzatori hanno considerato insormontabili. Gli uffici comunali, gli amministratori ed io ci siamo prodigati per andare incontro ad ogni esigenza che via via ci veniva rappresentata dagli organizzatori - ha spiegato il sindaco -. Per quel che concerne la stretta competenza comunale, infatti, avevamo già portato avanti alcuni degli atti autorizzativi fondamentali per la realizzazione dell’evento”.
Continua il sindaco: “Siamo molto dispiaciuti ed amareggiati.


Continuiamo a pensare che...

Continua a leggere su HuffPost