Cancro infantile, parte al Gemelli il Progetto Time2Wind, -2-

Mpd

Roma, 14 feb. (askanews) - Time2Wind nasce dalla convinzione che il mare e la barca a vela possono essere strumenti di crescita e di empowerment, soprattutto dopo un percorso terapeutico complesso come quello oncologico. Per questo è stata delineata una sperimentazione che prevede l'utilizzo della vela come strumento di ri-scoperta di abilità, risorse, potenzialità sia emotive che fisiche per adolescenti e giovani adulti che affrontano la malattia oncologica.

L'esperienza della navigazione in barca a vela, il lavoro di squadra, il rapporto stretto con gli elementi naturali, creano un contesto di reale inclusione, fortemente stimolante. Questo progetto si pone, per questo, come percorso riabilitativo volto a ricostruire il rapporto con il proprio corpo in un'ottica di positiva consapevolezza e di maggior controllo, a migliorare la percezione di sé con un risvolto sul piano fisico, emotivo e relazionale.

Oltre alle diverse terapie di supporto utilizzate durante il lungo percorso terapeutico, ai vari interventi di tipo psico-socio-assistenziale, la riabilitazione ha acquisito, negli ultimi anni, un ruolo sempre più importante nella prevenzione degli effetti tardivi e nel miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

Il programma riabilitativo diviene quindi parte integrante e qualificante del programma assistenziale poiché presuppone la presa in carico globale della persona, attraverso il riconoscimento delle sue esigenze fisiche, psicologiche e sociali.

Nel mese di luglio, l'equipaggio di Oncologia Pediatrica salperà, a vele spiegate, per navigare nel vento e vincere la gara più importante, quella per la vita.