Candidato sindaco centrodestra Milano, Rasia in pole position

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 feb. (askanews) - A meno di sorprese dell'ultimo minuto, sarà Roberto Rasia dal Polo il candidato sindaco della coalizione del centrodestra a Milano. Che i giochi siano praticamente fatti lo ammettono a microfoni spenti esponenti dei partiti dell'opposizione milanese, anche quelli che, come Fratelli d'Italia e soprattutto Forza Italia, hanno preso finora tempo e snocciolato possibili nomi alternativi, anche se senza troppa convinzione, al posto di approvare la candidatura del direttore della comunicazione del Gruppo Pellegrini; via libera che però potrebbe arrivare nei prossimi giorni per "mancanza di alternative concrete" - come spiega un esponente centrista - al nome indicato dalla Lega. In netto ritardo sui tempi per la scelta dello sfidante del sindaco uscente Giuseppe Sala, che ha ufficializzato la sua ricandidatura ben due mesi fa, il leader della Lega Matteo Salvini è corso ai ripari, facendo capire che i nomi dei candidati sindaci di Roma e Milano potrebbero essere rivelati entro il fine settimana. Una "forzatura", così viene letta la mossa del Capitano nel centrodestra, per costringere gli alleati a prendere finalmente posizione dopo mesi di "ni" sul nome dell'outsider classe 1974 di area cattolica. E dare finalmente il calcio d'inizio ad una campagna elettorale a tappeto per ridurre il divario di notorietà tra il sindaco uscente Sala e Rasia, sconosciuto a gran parte del pubblico. "Il tempo è scaduto", osserva un consigliere comunale milanese di lungo corso, che sottolinea come nel 2016 la candidatura di Stefano Parisi - che finì sconfitto al ballottaggio con Sala - fu ufficializzata altrettanto tardi, il 10 febbraio. Che la scelta leghista sarebbe caduta su una figura come quella di Rasia, pur non esplicitata, era stato anticipato già alla vigilia di Natale dallo stesso Salvini. Il primo esempio concreto del nuovo intendimento salviniano di "allargamento" degli orizzonti leghisti, con l'apertura alla cosiddetta "società civile". "Ci sono tante persone, ma io una persona ce l'ho, non un politico ma uno vicino al volontariato. È il momento in cui i partiti devono fare un passo indietro", aveva detto il leader leghista. Una scelta a cui si è arrivati dopo un anno in cui la Lega, in quanto primo partito della coalizione, ha rivendicato il diritto di proporre il nome del candidato sindaco. Un figura che, secondo la nuova strategia leghista di "apertura", potesse consentire di uscire "dal bacino elettorale tradizionale dei singoli componenti della coalizione". Da qui la scelta di Rasia, suggerita da uno dei principali collaboratori di Salvini, Stefano Bolognini, e condivisa dal leader leghista. Poco conosciuto dal grande pubblico, Roberto Rasia dal Polo si definisce sul suo sito Internet giornalista, scrittore e dirigente d'azienda. Esponente della società civile, viene descritto come un uomo moderato e buon comunicatore. Attorno a lui si stanno già muovendo possibili liste di sostegno, come quella che potrebbe nascere dall'Associazione Sintesi politica, nata recentemente su iniziativa di alcune figure del mondo politico, imprenditoriale e professionale cattolico di Milano. Sarebbe pronta ad appoggiare un candidato come Rasia anche l'area civica costituita dalla recente alleanza "Polo di Milano-Milano ideale". (segue)