Cane avvelenato con esche per topi: 50mila euro a chi trova il responsabile

Cane avvelenato con esche per topi: 50mila euro a chi trova il responsabile (Foto Facebook)
Cane avvelenato con esche per topi: 50mila euro a chi trova il responsabile (Foto Facebook)

Non solo i vip: dopo la denuncia di Enzo Salvi e Marica Pellegrini, molti altri padroni devono fare i conti con la cattiveria di alcune persone. E così da Colico, in provincia di Lecco, arriva lo sfogo del proprietario di un cane avvelenato da esche per topi. A chi dovesse riuscire a individuare il responsabile, promette una ricompensa record.

VIDEO - Il gatto si accoccola sulla pancia del cane: video virale su tiktok

"Snoopy aveva quasi tredici anni, era un esemplare di razza beagle inglese, e viveva fra casa e giardino. Era un cane tranquillo, non abbaiava mai e nemmeno riusciva a correre, perché era stato operato alle zampe. Ma in casa nostra era amato e coccolato, era l'ombra di mia mamma Emilia". A raccontarlo è il proprietario, Andrea Combi, consigliere comunale di maggioranza a Colico.

Snoopy è deceduto agli inizi del mese di novembre, ma solo in seguito all'autopsia il padrone ha scoperto le cause della morte. Come scritto tra i commenti del post condiviso su Facebook, qualcuno avrebbe rubato il veleno per topi dal suo giardino, avvelenando poi il povero animale. Combi, infatti, fa sapere: "Abbiamo la certezza che Snoopy abbia ingerito del veleno topicida. Siamo praticamente sicuri che lo abbia mangiato in giardino, perché non usciva mai da lì. Viste le sue condizioni, non lo portavamo a fare passeggiate e aveva i suoi spazi qui. La sua vita, ora che era anziano, era fra la casa e il giardino. Questo significa che qualcuno, che nemmeno riesco a definire persona, ha volontariamente gettato delle esche velenose nella nostra proprietà".

In zona, fa sapere, non ci sono telecamere di videosorveglianza, ma è pronto a ricompensare molto generosamente chiunque trovasse il responsabile.

LEGGI ANCHE: Addio alla gatta da record di longevità: sbranata da un cane

Lo sfogo di Andrea Combi prosegue sul suo profilo Facebook, dove ha condiviso uno scatto del suo cane e scritto: "Ciao mio grande amico!!! Grazie per la splendida compagnia di questi tredici anni passati insieme!! Sicuramente un giorno ci ritroveremo per tante camminate e tante corse nei prati e nei boschi...Ti auguro e ti meriti un paradiso pieno di bresaole!!!! Causa della morte avvelenamento con esche per topi. L'infamia dell'uomo non ha confini. A quell'infame, uomo o donna, auguro il peggiore dei mali!!! A lui/lei e a famiglia!! A chiunque ci aiuta a dare una punizione esemplare a questo/questa vile, indegna, lurida persona, la famiglia Combi è pronta a garantire un omaggio/regalo di 50.000, cinquantamila euro".