I cani molecolari hanno fiutato una traccia ma non si sa ancora se sia riconducibile alla 31enne

·2 minuto per la lettura
Sara Pedri
Sara Pedri

Scomparsa di Sara Pedri e possibili svolte, è stato trovato un corpo nel lago di Santa Giustina e sul ponte ci sarebbero tracce della ginecologa. Potrebbe essere ad un punto di svolta il giallo della ginecologa 31enne scomparsa dal 4 marzo scorso a Cles, in Trentino. Una svolta data dalle ricerche nel lago di Santa Giustina, cioè dove proprio a marzo i cani molecolari avevano fiutato tracce a poca distanza dal ponte di Mostizzolo su cui la donna aveva lasciato la sua auto. Nella vettura gli inquirenti, i carabinieri della compagnia locale, avevano trovato documenti, cellulare ed alcuni indumenti di Sara.

Possibile svolta nella scomparsa di Sara Pedri, trovato un corpo in un posto prediletto dai suicidi

Ma perché ci sarebbe un punto di svolta nelle ricerche della ginecologa originaria di Forlì? Perché grazie a quei vestiti i cani e gli inquirenti avevano ricostruito un percorso che in queste ore sfocerebbe nella possibilità che nelle acque del lago ci sia un cadavere. Le tracce di Sara erano state individuate esattamente all’altezza di uno spuntone che in passato era stato usato per mettere in atto gesti inconsulti, suicidi, ma ovviamente il legame per ora è solo concettuale. Quel dirupo si trova vicino al torrente Noce e i cani portati al largo sul lago a bordo di un gommone dei pompieri avrebbero fiutato qualcosa.

Scomparsa di Sara Pedri, trovato un corpo ma le ricerche sono difficoltose

L’equazione a questo punto è evidente, anche se non comprovata: posto che Sara abbia deciso di farla finita e che lo abbia fatto vicino ad un affluente del lago sotto la cui superficie i cani hanno fiutato tracce pare di Sara non è affatto esclusa la peggiore delle ipotesi: che cioè nel fondo fangoso del lago di Santa Giustina ci siano i resti proprio di Sara. Vero è però che le tracce avvertite dai cani potrebbero anche essere riconducibili ad altre persone, specie in uno spot che i suicidi pare abbiano scelto come luogo di elezione per abbandonare la vita. I media locali spiegano inoltre che il fondo del lago è melmoso e che le ricerche sono davvero difficoltose.

Scomparsa di Sara Pedri, trovato un corpo nel giorno degli ispettori del ministero

Nella giornata di oggi intanto era previsto l’arrivo al reparto di ginecologia dell’ospedale di Trento, dove Sara lavorava, degli ispettori inviati dal ministero. Quegli ispettori hanno il compito di indagare su una situazione che, secondo il solo racconto di Sara ad amici e familiari, non era immune da sopraffazioni o da circostanze “pesanti” all’interno di un reparto che da ieri ha di nuovo operativo il primario. I congiunti della scomparsa ed il fidanzato che non hanno dubbi circa il legame fra la sua decisione di scomparire e ciò che avrebbe patito al lavoro, avevano chiesto chiarezza e presentato numerose denunce scaturite in una inchiesta interna e in discrete verifiche da parte delle istituzioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli