Cani morti a Ravenna: caccia al killer

cani morti ravenna

Quattro cani sono morti avvelenati nell’area attorno a Mirabilandia e lo Zoosafari, a Ravenna. Gli abitanti della zona sono molto preoccupati per quanto sta accadendo. I cani vengono uccisi con bocconi avvelenati contenenti lumachicida. L’ultimo episodio si è verificato martedì 17 Dicembre 2019. A raccontare quanto successo è Francesco Formanti, residente in via dei Tre Lati e proprietario del cane deceduto. “Ho trovato il mio cane Benny con le convulsioni e l’ho trasportato d’urgenza in clinica”. I quattro episodi hanno tutti la stessa dinamica.

Cani morti a Ravenna

Il 31 Ottobre 2019, si era verificato un altro avvelenamento, sempre in via dei Tre lati. L’autopsia a cui era stato sottoposto l’animale aveva riscontrato delle polpette nello stomaco con lumachicida. Gli abitanti hanno formulato due ipotesi: “o sono ladri che vogliono eliminare i cani avvelenandoli, per agire indisturbati. Oppure che ci sia un abitante della zona che ha preso di mira i cani del vicinato”.

Formanti ha detto di aver presentato una denuncia ai Carabinieri. “Ho segnalato il caso con la speranza che si possa dare voce a questa atrocità. Nella speranza che non accada mai più. Perché, anche se è un cane, fa parte della nostra famiglia ed è come un figlio per noi”.

L’ultimo grave episodio segnalato a Ravenna, risale a Ottobre 2019 in via Bernicoli. Prima ancora, in Aprile fu presa di mira l’area verde Antico Lazzaretto. La concentrazione degli episodi è molto sospetta. L’uccisione di animali con bocconi avvelenati, in genere, non è così frequente e mai racchiusa nella stessa zona. Questo dato è rilevato sia dal Servizio veterinario dell’Ausl sia dal comando della polizia locale.