A Cannes tutto pronto per l’edizione 2021 dello Yachting Festival

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 ago. (askanews) - Tra quindici giorni, il Vieux Porto e Port Canto accoglieranno l'edizione 2021 dello Yachting Festival di Cannes. Quest'anno, professionisti e appassionati potranno scoprire quasi 600 imbarcazioni appena uscite dai più prestigiosi cantieri francesi e internazionali. Il 7 settembre il salone sarà il primo evento nautico di portata internazionale a riaprire le porte dall'inizio della pandemia di Covid-19. Per la grande gioia dei visitatori, sotto il sole della French Riviera per 6 giorni saranno svelati i gioielli dei mari più belli, i più recenti equipaggiamenti nautici e servizi di altissima gamma.

Appuntamento imperdibile del diportismo di lusso da oltre 40 anni, lo Yachting Festival riunisce ogni anno oltre 50.000 visitatori giunti da tutto il mondo e quasi 550 espositori. Il salone, che propone un'offerta molto eclettica, accoglie quasi 600 imbarcazioni, dalle più piccole alle più grandi, barche a vela (più di 110 unità monoscafo e multiscafo), imbarcazioni a motore, monoscafo e multiscafo, unità nuove e grandi yacht proposti da società di brokeraggio che sfiorano i cinquanta metri. Lo Yachting Festival riunisce tutti i principali attori del diportismo che vengono a esporre quasi 140 novità mondiali in anteprima. I visitatori potranno quindi godersi un salone dal contenuto ricco, vario e allietato da numerose novità.

Per la seconda edizione consecutiva, e dopo il successo del lancio dello Spazio Vela nel 2019, il salone sarà organizzato per tipo di imbarcazioni: le unità a motore saranno esposte al Vieux Port mentre le barche a vela saranno attraccate al Port Canto. I visitatori abituali ritroveranno la Luxury Gallery, settore dedicato al lusso e all'arte di vivere, al Vieux Port e lo spazio "Yacht Brokerage & Charter" che raduna i più grandi yacht del salone e il suo spazio "Toys" dedicato ai giocattoli nautici dall'altro lato della Croisette, al Port Canto.

E il diportismo non sfugge alla presa di coscienza ambientale. Conciliare nautica e rispetto dell'ambiente: è questa la sfida di domani. Da molti anni, i porti turistici, la filiera nautica, gli attori professionisti e gli utenti si rendono conto delle conseguenze reali delle loro attività sull'ambiente.

Nonostante le regole internazionali vincolanti che mirano a proteggere gli ambienti naturali (propulsione ibrida, riduzione dell'inquinamento sonoro, regolamentazione più severa delle aree di ancoraggio per preservare i fondali marini...), e l'obbligo per i porti turistici con una capacità superiore a 100 posti barca di riservare l'1% degli ormeggi alle imbarcazioni elettriche a partire dal 2022, la transizione è lenta.

Il 28 luglio, Annick Girardin, Ministra francese del mare, ha così lanciato una missione dedicata al settore della nautica. L'obiettivo? Identificare le soluzioni per sviluppare la filiera trovando al contempo l'equilibrio tra il piacere di navigare in libertà e una coscienza ecologica indispensabile oggi. La sfida è avviare una transizione ecologica nella nautica simile a quella vissuta nel settore automobilistico. Queste nuove tematiche di sviluppo sostenibile sono una formidabile opportunità di reinventare la nautica per immaginare il mondo di domani.

Per accompagnare questa transizione "green" in modo concreto, lo Yachting Festival aveva già avviato una svolta ecologica nel 2019 con la mostra didattica "Energy Observer" che presentava i lavori sull'idrogeno e le energie rinnovabili realizzati dalla barca omonima. Per proseguire su questa strada, quest'anno il salone propone ai visitatori un percorso "Green" completo: un itinerario ecologico che mette in evidenza gli espositori che sviluppano o presentano un concetto a favore dell'ecologia. Più di 50 espositori partecipano a questo percorso che mette in evidenza 80 imbarcazioni innovative da un punto di vista ecoresponsabile. Tutti gli espositori partecipanti a questo percorso sono indicati con il logo "Green Route". Inoltre, per la prima volta dalla creazione dello Yachting Festival, il Vieux Port accoglierà quest'anno una zona nautica esclusivamente dedicata alle imbarcazioni 100% elettriche e ibride che presenterà una dozzina di barche da 8 a 12 metri. Infine, dal Vieux Port al Port Canto, si potranno scoprire numerose imbarcazioni ecoresponsabili.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli