Canone Rai, Anzaldi lancia petizione per tagliarlo

webinfo@adnkronos.com

“Ho presentato una petizione su Change.org (change.org/tagliamoilcanone) per tagliare il canone Rai. Di fronte al progressivo peggioramento della qualità dell’informazione del servizio pubblico, è giusto che allora i cittadini possano pagare di meno. Altro che aumentare i soldi a Viale Mazzini, come vorrebbe qualcuno: nessuno capirebbe a cosa servirebbero, se non a moltiplicare sprechi e tutelare privilegi. La raccolta firme è aperta, è online, l’obiettivo è chiedere ai parlamentari di sostenere una legge che abbassi il canone, come già fatto in passato dal Governo Renzi”. E’ quanto scrive su Facebook il deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi.  

“L’attuale gestione dei telegiornali Rai – prosegue Anzaldi – ha portato l’Agcom ad aprire un’istruttoria che potrebbe sanzionare il servizio pubblico addirittura con una multa da 72 milioni di euro. I talk show sono stati smantellati e i pochi che rimangono si distinguono in certi casi per clamorose scorrettezze e cattivo giornalismo, tanto che i telespettatori preferiscono le trasmissioni de La7 e Mediaset come quelle di Enrico Mentana, Lilli Gruber, Corrado Formigli, Giovanni Floris, Andrea Purgatori, Nicola Porro. Allora è giusto che i cittadini paghino di meno".  

"Oggi si pagano 90 euro all’anno. Nel 2015 erano 113 euro all’anno. Grazie al Governo Renzi, primo nella storia della Rai a ridurre il canone invece di alzarlo, la tassa sulla tv è passata a 100 euro nel 2016 e a 90 euro dal 2017. Andiamo avanti con il taglio: nel 2020 paghiamo 80 euro, nel 2021 paghiamo 70 euro, e così via. Finché la Rai non ristabilirà un’informazione davvero corretta, tagliamo 10 euro all’anno di canone”.