Canottaggio: oggi a Cernobbio l'ultimo commosso saluto a Filippo Mondelli

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Cernobbio, 3 mag. – (Adnkronos) – Si è svolta questo pomeriggio a Cernobbio, in riva al lago, la cerimonia funebre per Filippo Mondelli, campione mondiale dell’Italremo e membro del Consiglio Nazionale del Coni, scomparso giovedì scorso a soli 26 anni a causa di un osteosarcoma. Moltissime le personalità del mondo dello sport – canottaggio in testa – presenti a Cernobbio per l’ultimo saluto: il Presidente del Coni Giovanni Malagó, il Segretario generale Carlo Mornati, la Presidente della Commissione Atleti Raffaella Masciadri, il Sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali.

Presente per la Federazione Italiana Canottaggio il Presidente Giuseppe Abbagnale con parte del Consiglio e il Segretario Maurizio Leone. Tanti anche i campioni del passato – tra i quali i decani campioni olimpici Giuseppe Moioli e Ivo Stefanoni – e i rappresentanti dei comitati regionali e delle varie società italiane. A far forza alla famiglia – papà Guido, mamma Monica, la sorella Elisa – anche tutta la Canottieri Moltrasio, con in testa il Presidente Alessandro Donegana e l’allenatore Alberto Tabacco, e una forte rappresentanza delle Fiamme Gialle, società nella quale Pippo ha militato negli ultimi anni, guidata dai Generali di Brigata Flavio Aniello e Vincenzo Parrinello, oltre al Comandante del Nucleo Atleti di Sabaudia, Capitano Danilo Cassoni, mentre il Picchetto d'Onore era garantito dal locale gruppo provinciale della Guardia di Finanza di Como.

A portare il feretro, proprio i compagni di Mondelli in gialloverde: gli amici del quadruplo Giacomo Gentili, Luca Rambaldi e Andrea Panizza, e Romano Battisti, Domenico Montrone, Emanuele Fiume, Niccoló Pagani e Alessandro Bonamoneta. Un saluto commosso, quello di Cernobbio e di tutta l’Italia del canottaggio lì accorsa per l’ultimo abbraccio al suo campione.