Cantone: con codice appalti si sono creati dei mostri giuridici

Pat

Bologna, 3 set. (askanews) - In Italia è passata l'idea che "le regole sono una scocciatura". L'esempio concreto lo si può vedere nel codice per gli appalti, attraverso il quale "si sono creati dei mostri giuridici". Lo ha detto il presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, durante un dibattito alla Festa nazionale dell'Unità a Ravenna.

"Quando si parla di lotta alla corruzione contano moltissimo le norme, ma anche il clima all'interno del Paese con cui le norme vengono applicate - ha spiegato Cantone -. Si è data l'idea che non bisognasse fare bene, ma fare a prescindere", che si dovesse "considerare il problema non la corruzione ma l'anticorruzione. Abbiamo sentito dire che le regole sono una scocciatura e che bisognava trovare il modo di ottenere al risultato a prescindere dai fatti".

Con il codice degli appalti, ha proseguito il presidente uscente di Anac "si sono creati dei mostri giuridici". Per la costruzione del Ponte Morandi di Genova "per la prima volta nella storia del paese si è creata una norma che dice che possono essere derogate tutte le norme del Codice tranne quelle del Codice penale. Per fare quel ponte non si può applicare qualunque norma dal 1861 ad oggi".

(segue)