Cantone torna in Cassazione

webinfo@adnkronos.com

Raffaele Cantone , dopo 4 anni alla guida dell’Autorità nazionale anticorruzione, torna a fare il magistrato in Cassazione. Il plenum del Consiglio superiore della magistratura ha infatti approvato la delibera della terza commissione che dispone il ricollocamento in ruolo di Cantone, su sua richiesta, con le funzioni magistrato addetto all’Ufficio del Massimario e del Ruolo della Corte di Cassazione, nell’incarico che ricopriva prima della nomina alla guida dell’Anac. 

Cantone ha lasciato con nove mesi di anticipo rispetto alla scadenza del suo mandato annunciando, il 23 luglio scorso, l’intenzione di tornare al suo lavoro. "Torno a fare il magistrato", dopo l'esperienza "entusiasmante ma ormai conclusa" all'Anac, un "patrimonio del Paese" spesso meno riconosciuto di quanto meriterebbe, aveva spiegato Cantone in una lettera pubblicata sul sito dell’Anac.