Caos in ospedale: paziente sputa e spintona i medici

·3 minuto per la lettura
paziente devasta pronto soccorso
paziente devasta pronto soccorso

Caos nel pronto soccorso dell’ospedale Villa Betania di Napoli. Un paziente che era stato portato qui si è improvvisamente alzato iniziando a devastare il reparto e aggredendo i medici con sputi e spintoni. Non è ancora chiaro il motivo di una simile furia. L’episodio è avvenuto nella mattina del 29 giugno. A essere coinvolti i sanitari dell’equipaggio di un’ambulanza 118 del Presidio sanitario polifunzionale Loreto Crispi. L’uomo era stato soccorso a San Giovanni a Teduccio, nella zona est del comune partenopeo. I soccorsi avevano trovato il paziente sdraiato per terra in “stato soporoso”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Paziente devasta pronto soccorso: trasportato a Villa Betania

Il paziente è stato caricato sull’ambulanza e condotto a Ponticelli presso il pronto soccorso di Villa Betania. Una volta giunto qui, l’uomo si è improvvisamente alzato dalla barella iniziando a devastare il reparto, distruggendo tutto ciò che aveva attorno. Gli oggetti danneggiati risultano essere: la barella su cui l’uomo era seduto, il cumputer del triage, le stampanti e le porte scorrevoli di accesso alla struttura. L’ira del paziente non si è placata, poiché dopo aver rotto i beni materiali della struttura si è accanito contro i sanitari del 118 che lo avevano trasportato fin lì, a suon di sputi e spintoni.

Paziente devasta pronto soccorso: episodio segnalato da Nessuno tocchi Ippocrate

L’episodio avvenuto presso il pronto soccorso di Villa Betania è stato segnalato dall’associazione Nessuno tocchi Ippocrate. Per chi non la conoscesse, si tratta di una realtà di promozione sociale il cui fine è aiutare il personale sanitario aggredito. La stessa associazione informa come sia stata subito allertata la polizia dopo quanto accaduto, per fermare il paziente autore della devastazione. Il presidente dell’associazione, dottor Manuel Ruggiero, ha commentato tramite alcune dichiarazioni riportate dal Riformista: “Un’altra ferita profondo alla assistenza territoriale, perché continuiamo ad essere così invisibili alle istituzioni?”.

Paziente devasta pronto soccorso: tragedia evitata da un autista del 118

Oltre al caso del paziente che ha devastato il pronto soccorso di Villa Betania, segnaliamo un altro episodio avvenuto di recente al Vomero, celebre quartiere di Napoli. Un individuo era riuscito a infilare la pistola in un’ambulanza e solo alla prontezza dell’autista del mezzo si è riusciti a evitare una tragedia. È accaduto lo scorso 20 giugno A raccontare l’episodio è stato l’autista della postazione 118 del San Paolo: “Siamo stati allertati per persona a terra insanguinata a seguito di una rissa in piazza Quattro Giornate. Non siamo riusciti ad arrivare sul posto poiché, fuori la caserma dei carabinieri, che dista poco da lì, c’erano i due ragazzi feriti che chiedevano aiuto ai militari”

E ancora: “Ci fermiamo e li facciamo salire a bordo entrambi quando, improvvisamente, arriva e cerca di salire in ambulanza il “gruppo rivale” con delle mazze. Ovviamente le porte erano chiuse ma da dentro, uno dei feriti apre il portellone. Io già stavo al posto di guida e con la coda dell’occhio vedo uno degli aggressori, avvicinarsi al portellone laterale ed infilare un braccio nel finestrino con una pistola. Ovviamente l’unica cosa che ho potuto fare è ingranare la prima e correre verso il Cardarelli per metterci al sicuro ed attendere la polizia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli