Caos procure, Criscuoli si dimette da consigliere Csm

Gtu

Roma, 18 set. (askanews) - Il consigliere del Consiglio superiore della magistrature Paolo Criscuoli si è dimesso.

Il vice presidente del Csm David Ermini - rende noto lo stesso Csm - ha ricevuto stasera la lettera del presidente della Repubblica Sergio Mattarella con la quale sono state trasmesse le dimissioni del consigliere Paolo Criscuoli da componente del Consiglio superiore. Il Capo dello Stato - si sottolinea - "ha ravvisato nella lettera di dimissioni presentata da Criscuoli senso di responsabilità e rispetto delle istituzioni".

Criscuoli, togato di MI, era tornato pochi giorni fa, il 9 settembre, al lavoro a Palazzo dei Marescialli, dopo un periodo di autosospensione. Si era autosospeso dall'incarico il 4 giugno scorso, dopo essere stato tirato in ballo nell'inchiesta della Procura di Perugia sul tentativo di condizionamento delle nomine dei vertici di alcuni degli uffici giudiziari più importanti d'Italia, in cui tra gli altri, è indagato per corruzione l'ex consigliere del Csm, Luca Palamara. Oggi le dimissioni.