Caos Procure: Mattarella, 'appaiono gravi e vaste distorsioni in decisioni Csm'

Caos Procure: Mattarella, 'appaiono gravi e vaste distorsioni in decisioni Csm'

Roma, 18 giu. (Adnkronos) – "La documentazione raccolta dalla Procura della Repubblica di Perugia -la cui rilevanza va valutata nelle sedi proprie previste dalla legge- sembra presentare l’immagine di una magistratura china su stessa, preoccupata di costruire consensi a uso interno, finalizzati all’attribuzione di incarichi. Questo fenomeno si era disvelato nel momento in cui il Csm è stato chiamato, un anno addietro, ad affrontare quanto già allora emerso. Quel che è apparso ulteriormente fornisce la percezione della vastità del fenomeno allora denunziato; e fa intravedere un’ampia diffusione della grave distorsione sviluppatasi intorno ai criteri e alle decisioni di vari adempimenti nel governo autonomo della Magistratura". Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricordando al Quirinale i magistrati uccisi dal terrorismo e dalla mafia nel quarantesimo e trentesimo anniversario della loro morte.

"Sono certo -ha aggiunto il Capo dello Stato- che queste logiche non appartengono alla magistratura nel suo insieme, che rappresenta un Ordine impegnato nella quotidiana elaborazione della risposta di giustizia rispetto a una domanda che diventa sempre più pressante e complessa. Desidero sottolineare, anche in questa circostanza, che a portare allo scoperto le vicende, che provocano così grave sconcerto nella pubblica opinione, è stata un’azione della magistratura, che ha svolto la propria funzione senza esitazioni o remore di alcun tipo".