Caos Superlega: lo "J'accuse" delel società italiane contro le tre big

·2 minuto per la lettura
superlega lettera serie a
superlega lettera serie a

Ben 11 club di Serie A avrebbero scritto una lettara al presidente dal Pino per chiedere provvedimenti nei confronti di Milan, Inter e Juventus protagoniste nel caos della Superlega. Astenute Atalanta, Verona ,Fiorentina, Napoli, Lazio e Udinese che al momento non prendono posizioni.

Superlega, lettera dei club di Serie A

Il caos scaturito dalla Superlega si sta espandendo anche in Serie A, dove ben 11 club avrebbero scritto una lettera al presidente Dal Pino chiedendo provvedimenti contro Inter, Milan e Juventus.

Nello specifico, questi club (Roma, Torino, Bologna, Genoa, Spezia, Sampdoria, Sassuolo, Parma, Cagliari, Benevento e Crotone) richiedono una convocazione urgente di un’assemblea “che analizzi i gravi atti posti in essere dai club associati Juventus Fc, Ac Milan, Fc Internazionale e dai loro amministratori, e le relative conseguenze“, per il progetto della Superlega. Al momento le uniche società a non aver aderito alla lettera sarebbero Atalanta, Fiorentina, Udinese e Verona, Napoli e Lazio.

Il documento quindi è stato firmato dalle squadre che a lungo hanno sostenuto l’idea dell’ingresso di fondi d’investimento in una media company con la Serie A, osteggiando di fatto l’acquisizione dei diritti tv per i prossimi tre anni di Dazn.

L’accusa dei club

La lettera della maggior parte dei club di Serie A punta il dito contro le tre squadre che anno aderito al progetto Superlega, affermando che Milan, Inter e Juventus avrebbero “sviluppato e sottoscritto il progetto agendo di nascosto, evidente e grave danno per tutto il calcio italiano”, come si legge nella lettera.

Ad oggi, inoltre, le stesse non hanno ancora formalmente comunicato il ritiro dallo stesso progetto, con l’evidenza di un possibile e inaccettabile riavvio della sua creazione“, concludono gli 11 club.

Al momento sul fronte della Superlega rimane salda la posizione di Florentino Perez, l’unico a non aver del tutto abbandonato il progetto e che ancora spera in una sua concretizzazione nel breve periodo.