"Capitano Ultimo" critica il Comandante Generale dei carabinieri

Cro

Roma, 31 lug. (askanews) - "Il Comando Generale ha avviato una serie di attività repressive dell'attività sindacale avvalendosi in maniera impropria dell'azione disciplinare da un lato e dell'azione penale militare dall'altro; in particolare impedendomi come Presidente del SIM Carabinieri, l'esercizio del diritto-dovere di critica sindacale nei confronti del Comandante Generale Giovanni Nistri". Lo si legge in una nota del Colonnello De Caprio, il "capitano Ultimo", riportata da GrNet.it. "A tale proposito, su reiterate proposte tutte attivate dal Comando Generale, la Procura Militare della Repubblica ha condiviso il fatto che il Col. Sergio De Caprio è responsabile di diffamazione militare aggravata, perché 'Col. CC, mediante un "post" pubblicato su profilo "Facebook" a lui riferibile, quindi comunicando con più persone, offendeva la reputazione del Gen.C.A. Nistri Giovanni lanciando il seguente sondaggio: "Tra #Carabinieri ci stavamo chiedendo, ma un #comandante #Generale che delega la #sicurezza del #capitanoultimo al #prefetto è ancora un #comandante #militare?" e prevedendo anche le due seguenti possibili risposte: "sì è un vero comandante" - "no è un funzionario" con altrettante fotografie del predetto Ufficiale Generale l'una in cui quest'ultimo viene ritratto in divisa e l'altra in cui viene ritratto in abiti civili. Con l'aggravante di essere militare rivestito di un grado e di aver impiegato un mezzo di pubblicità per recare l'offesa all'altrui reputazione. Pertanto - continua De Caprio - , verrà avviato un processo penale contro di me".