Capitano Ultimo va in pensione: arrestò Totò Riina

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Photo Roberto Monaldo / LaPresse
Photo Roberto Monaldo / LaPresse

Sergio De Caprio, noto come Capitano Ultimo, è andato in pensione. Lo ha annunciato lo stesso colonnello dei carabinieri attraverso un tweet: "Oggi pensione e fine servizio. - ha scritto - Nell'ultimo giorno le mie lacrime e il mio sorriso alla bandiera di guerra dell'Arma dei carabinieri. Al popolo italiano tutta la mia vita".

L’ufficiale è stato a capo dell'unità Crimor dei Ros dei carabinieri ed è noto per aver arrestato il superboss di Cosa Nostra Totò Riina il 15 gennaio 1993. A seguito della mancata perquisizione del covo del boss, è finito sotto inchiesta per poi essere assolto dall'accusa di favoreggiamento.

GUARDA ANCHE: Il romanzo criminale di Riina

"Vado in pensione, abbiamo combattuto, rivendico tutte le azioni passate, presenti e future, torniamo ad essere il nulla da cui veniamo. Vi porterò sempre nel cuore", ha detto in un video riferendosi al Ros.

A marzo dello scorso anno, Capitano Ultimo aveva deciso di congedarsi dall'Arma dei Carabinieri per impegnarsi nel mondo politico: era stato nominato assessore all'Ambiente nella Giunta di Jole Santelli per la Regione Calabria.

Nonostante il suo volto non sia mai stato svelato, in suo onore è andata in onda una fiction con protagonista Raoul Bova.

GUARDA ANCHE: Mafia, assistente parlamentare messaggero per i boss: arrestato