Capo di gabinetto a Roma, lite e dimissioni: qual è il suo lavoro

Capo di gabinetto a Roma, lite e dimissioni: qual è il suo lavoro (Photo by Gloria Imbrogno/LiveMedia/NurPhoto via Getty Images)
Capo di gabinetto a Roma, lite e dimissioni: qual è il suo lavoro (Photo by Gloria Imbrogno/LiveMedia/NurPhoto via Getty Images)

Albino Ruberti, capo di gabinetto del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, è finito nelle ultime ore al centro di una violenta lite tramutatasi in un vero e proprio caso politico. Lo stesso Pd ha subito preso le distanze da lui, costretto a dimettersi in maniera anche alquanto precipitosa. Lecito è però chiedersi: quale era il suo ruolo nel partito, fosse anche solo a livello cittadino? E quali sono esattamente le sue mansioni?

GUARDA ANCHE: Roma, Gualtieri presenta la squadra: sei uomini e sei donne

Partiamo dalle incredibili parole di Albino Ruberti, immortalate in un filmato diffuso dal quotidiano 'Il Foglio'. "Io li ammazzo. Devono venire a chiede' scusa per quello che mi hanno chiesto. A me non me dicono 'io me te compro'. Do cinque minuti pe veni' a chiedeme scusa in ginocchio. Se devono inginocchia' davanti. Altrimenti io lo scrivo a tutti quello che sti pezzi de *** mi hanno detto… Io li sparo, li ammazzo", sono le inquietanti affermazioni del capo di gabinetto del sindaco di Roma.

LEGGI ANCHE: Il caso del video di minacce e insulti tra esponenti del Pd

Chiaro che simili parole, seppure solo intercettate, non potessero non avere conseguenze. "Per evitare strumentalizzazioni che possano ledere il tuo prestigio e quello dell'istituzione che rappresenti, con la presente rimetto il mio mandato da capo di gabinetto", ha scritto Ruberti al sindaco Gualtieri. Quindi ha confermato l'accaduto: "Trattasi di un litigio verbale durante una cena privata, che nulla ha a che vedere con il mio ruolo istituzionale. In particolare, ho reagito con durezza alla frase 'mi ti compro', che pur non costituendo in sé una concreta proposta corruttiva, mi ha portato a chiedere con foga sicuramente eccessiva e termini inappropriati, di ritirarla immediatamente perché l'ho considerata lesiva della mia onorabilità".

Capo di gabinetto a Roma, lite e dimissioni: qual è il suo lavoro. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images)
Capo di gabinetto a Roma, lite e dimissioni: qual è il suo lavoro. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images)

Ma che cosa fa esattamente un "capo di gabinetto"? Ed è effettivamente "comprabile"? Innanzitutto chiariamo tale figura professionale, che identifica un funzionario il cui compito è quello di dirigere l'ufficio formato dai più stretti collaboratori di un alto funzionario politico. Oltre che per un sindaco, infatti, tale ruolo si può ricoprire anche per un Prefetto, un membro del Governo, ognuno dei due presidenti delle Camere e addirittura il Presidente della Repubblica.

VIDEO - Fu Capo di Gabinetto di Angelino Alfano: chi è Luciana Lamorgese?

Diversi sono però i criteri di nomina a seconda dell'ufficio pubblico che si andrà a dirigere. Il capo di gabinetto di un ministero, per esempio, è nominato direttamente dal ministro di competenza tra "esperti, anche estranei all'amministrazione" ai sensi del D.Lgs, 300/1999. Le sue mansioni abbracciano la definizione degli obiettivi dell'amministrazione, l'elaborazione e valutazione di fattibilità delle politiche pubbliche, la comunicazione tra l'amministrazione e gli altri enti. Meno vincoli esistono invece per le realtà locali, tanto che nei Comuni più piccoli tale lavoro non di rado viene svolto anche a titolo gratuito.